Sul Burundi , un disastro

Sul Burundi , un disastro

Inondazioni, frane . Il Burundi è lontano da noi ma non per tutti . L’idea venne a Don Enzo Chiarini che lasciò tutto in Italia e si recò in uno sperduto per evangelizzare. Nel vocabolario di quel prete che a qualcuno sembrava strano “evangelizzazione” significava pozzi per raccogliere acqua che poi serviva per irrigare i campi e che quindi permetteva alle famiglie di stare meglio.

Don Enzo clicca qui per conoscerlo meglio nella storia di Nadia visse il resto della vita nell’amore di quella gente . Chissà oggi cosa dice da lassù .Il Burundi è tra le 20 zone più attaccate dalle inondazioni e dal dissesto idrogeologico .

La notizia del disastro che si vive in quella parte d’Africa non la sentirete mai in televisione .L’ho saputa giorni fa in una chat ,dove ho l’onore di partecipare, che si chiama Amici DAPADU Abruzzo (questo è il link per saperne di più) che dopo la scomparsa di Don Enzo Chiarini ha continuato con varie iniziative a dare supporto agli abitanti di Kajaga , la zona colpita.

L’ultima iniziativa proprio insieme a Nadia , tra le colonne dell’associazione. Si è sposata e ha chiesto a tutti gli invitati ( c’ero anch’io ) di evitare regali e versare quello che ognuno poteva su un conto corrente per un piccolo grande progetto che vi invito a vedere cliccando qui.

In tre anni l’accanimento climatico ( l’uomo ha una bella percentuale di colpe) ha costretto 100000 persone a trovarsi una nuova casa. Di seguito il filmato di quello che è successo sabato 20 aprile , alla vigilia della giornata mondiale per la Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *