Si sentirono per un periodo ….gli arabi d’Italia

Si sentirono per un periodo ….gli arabi d’Italia

Un tempo il prezzo dei carburanti era ” cosa loro”. Non fraintendete , il metodo non era delinquenziale .Il prezzo lo faceva lo Stato, la mattina tutti gli italiani su tutto il territorio pagavano lo stesso prezzo per il “pieno”. Poi ci dissero che con la liberazione dei prodotti che facevano andare avanti le auto e i camion ci avremmo guadagnato. Oggi i prezzi sono tornati vicino ad 1.90 €. Gongola lo Stato che, come ci disse là premier Meloni quando non era premier, ci guadagna il 50% mentre noi soffriamo. Prezzo alto , prezzi alti per tutto quello che bisogna acquistare e non solo la benzina.

Vi racconto con il filmato una esperienza che si materializzò in un minuscolo paese del chietino , Pizzoferrato , dove l’amministrazione comunale prese una decisione che in seguito fu ” copiata, da tanti piccoli comuni in Italia.

L’esperienza , cambiata l’amministrazione, finì ma per cosi dire , fu bello risparmiare quel periodo sui carburanti in quella zona del chietino isolata e con una economia agricola non all’interno della globalizzazione che si vede oggi negli ipermercati.

Nel 2008 feci una inchiesta che partì da Francavilla. Lì in un distributore senza pubblicità il gasolio ,pensate e non vi arrabbiate tanto, costava 1.11 €. Qualcuno dirà “ma i tempi sono cambiati”, qualcuno risponderà ” è cambiato tutto meno che gli stipendi”. L’inchiesta passò poi a Pizzoferrato dove il meccanismo per avere una pompa di benzina in un paese isolato ed avere i prezzi più bassi d’Italia ispirò diversi piccoli comuni italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *