Giuseppe capace un tempo di creare una mosca con il ferro. E se si tornasse anche all’intelligenza “artigianale”?

Giuseppe capace un tempo di creare una mosca con il ferro. E se si tornasse  anche all’intelligenza  “artigianale”?

Siamo inadeguati come genitori? Affidiamo troppo alla tecnologia l’educazione dei figli? E loro crescono o regrediscono con questa scelta?

Le maestre lanciano un allarme o meglio una certezza. I bambini non sanno più manipolare la “nostra “ plastilina che ci faceva sentire un tempo artisti, ingegneri… creativi.

La plastilina ,( ricordate quel prodotto gommoso che permetteva di creare quello che un bambino voleva sognare?) infatti, non è più tra i regali nel terzo millennio, molto graditi invece a noi che ormai siamo “diversamente giovani”.

Ovviamente questo non è il solito grido di superiorità di un vecchio.E’ un problema perchè è vero che se c’è un problema allo smartphone è più bravo il nipote a risolverlo ma è altrettanto scontato che lo stesso nipote ormai usa le mani solo per dare ordini al suo “padrone”.

E cosi , in tanti, se vogliono godersi una cena, ma devono portare i bambini con loro , “appioppano alla creatura” il cellulare tutto fare e mangiano beatamente senza chiasso intorno . L’intelligenza artificiale bene accetta per la ricerca e per risolvere alcuni problemi con maggior velocità, creerà grossi problemi alle nuove generazioni che faranno scrivere un tema al computer, risolvere un quesito matematico affidandolo alla “macchina”, copiare una traduzione dal latino dopo averla fatta tradurre , al “veloce esecutore”.

Vi voglio raccontare di un personaggio ,Giuseppe, che nella vita ha esercitato il mestiere di fabbro. Ormai è volato in cielo ma nel 2008 lo riuscii ad avvicinare. Allora i computer erano in possesso di pochi e nessuno aveva a disposizione l’intelligenza artificiale per risolvere i problemi di tutti i giorni ma …erano in sintonia con l’intelligenza artigianale che funziona anche quando manca la corrente, manca il campo del wifi .Sono passati sedici anni da quell’incontro ed io ancor oggi non dimentico la capacità di Giuseppe che mi mostro’ una mosca ,costruita in ferro, minuscola e perfetta come quella che si vede in natura.

Un pensiero su “Giuseppe capace un tempo di creare una mosca con il ferro. E se si tornasse anche all’intelligenza “artigianale”?

  1. “Intelligenza artigianale” è un lessico sublime.
    Appartengo alla generazione che i giocattoli se li costruiva in gran parte. Monopattini in legno (coi cuscinetti a sfera messi da parte dai meccanici, quando non si buttava niente, a perchè “forse in futuro mi potranno servire”….. oppure le carrozzette, le spade. E che dire degli aquiloni! E delle gare di volo, al campetto (ogi scomparso per farci il parcheggio a silos dell’ospedale civile) e degli aquiloni da combattimento.Ho potuto costruirne per i miei figli e tra poco ne farò per la mia nipitina: bella scusa per tornare a giocare senza sollevare critiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *