La magia dell’incisione

La magia  dell’incisione

Renato Coccia

E’ stato tra i migliori amici di Luigi Braccili .Una produzione di qualità per l’artista nato a Poggio Morello, frazione di Sant’Omero ma da tempo residente a Genova .alla fine di questo articolo trovate un link dove saperne di più su mostre e soprattutto opere di questo sensibile ricercatore . Oggi alcune delle sue opere sono esposte alla mostra “Apollodoro Biblioteca” nei saloni della Biblioteca Berio di Genova in Via del Seminario 16

Breve curriculum

Incisore pittore

Nasce a Sant’ Omero (TE) il 22 giugno 1935.

Nel 1960 esordisce come pittore e incisore, solitario ed indipendente intraprende, mostra dopo mostra, la sua ricerca diretta a ritrarre paesaggi della complessività e dell’evidenza nei quali, così come opportunamente osserva il professor Vito Moretti “…intravede e decodifica i linguaggi o gli itinerari di un vissuto”.

Spiccano per intensità le numerose mostre personali in diverse località italiane.

Tra il 1986 e il 1991 lavora alle grandi mostre sul brigantaggio e sulla guerra civile nell’Abruzzo teramano, liberamente tratte dai testi di Bonanni e Braccili. Seguono la mostra “L’arte come memoria storica” (1993) e le incisioni a puntasecca esibite al Centro Culturale “Nicolò Barabino” e al Centro Civico “Buranello”. Queste ultime sono incentrate sull’espressione di situazioni architettoniche castrensi della collina di Castello in Genova e la Pigna di Sanremo.

Nel 1997 dipinge la cappella della chiesa di Santa Lucia presso Poggio Morello.

È stato impegnato nella realizzazione di opere di arte sacra “Santi e Beati di Abruzzo” per l’esposizione organizzata in occasione delle manifestazioni del Giubileo del Duemila.

Per seguire le opere di Renato Coccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *