La gallina nera… l’uovo è proprio grosso !!!

La gallina nera… l’uovo è proprio grosso !!!

di Elisabetta Mancinelli

Conoscete meglio l’autrice

UNA NOVELLA DI ANTONIO DE NINO LA SUA VITA E IL SUO OPERATO.

Una  fanciulla, vieppiù del tiglio flessuosa, girava pel paese di Bagnara, domandando”  Chi tiene una  gallina nera? – Io no. – Io  neanche. – Io l’aveva e mi morì…. Eh chi ne tiene una? Ze Loreta che sta in cima ai Castelli del Duca.- La fanciulla corre su, trova la casa di Ze’ Loreta ed entra. Ze’ Loreta in quel mentre aveva raccolto l’uovo dal nido della gallina nera; e: -Lo vedi com’è grosso? .. ma tu perché stai cossì affannata? – Risponde la fanciulla; – Mi serve la gallina nera, perché la povera mamma non ne può più! –E Ze’ Loreta: -Ah ma la vuoi far morire la povera  feruccia. – Se si muore te la pago. –Ebbè le forbici stanno lì …. E poi alle malate non si deve negar nulla… e se servisse a me? Ma io però , non voglio né vedere né sentire… Me n’esco qui  fuori l’uscio di strada….

La fanciulla  chiude la porta dell’uscio; chiude l’impannata della finestra, e va dietro alla gallina per acchiapparla. La gallina si nasconde dietro al letto. Quando la fanciulla: corre di qua, la gallina corre di là: e questo gioco dura piuttosto a lungo. Ma ecco la furibonda cercatrice sa capacitarsene. Ella resta accoccolata a guardare ancora sotto il letto; e quasi comincia a pensare ai maghi , alle fate, ai mazzemarelli o folletti…. E dove s’è cacciata quella birbona? – Apre la impannata per meglio vedere. E Ze’ Loreta : – Ha ? fatto! –E no –Oh che guaio! La fanciulla si riaccoccola, spalanca tanto d’occhi, e nulla ancora. Finalmente da un poco profumato  grosso  vaso conico che stava dietro a uno scanno, vede spuntare un becco…. La povera gallina  nello svolazzare, era caduta lì dentro, e per paura si stava zitta: E la furibonda flessuosa: – Ah.. là stai ti acconcio io….. –  Copre  il vaso col grembiale, ficca la mano sotto al grembiale ,afferra la gallina , se la chiude fra le gambe, brandisce le forbici con la mano destra, con la sinistra  tiene stretta la cresta della bestìola;  le forbici già addentano quella cresta, e zaccht!  La cresta roesa, sanguinante è staccata! Ella l’avvolge subito in n una pezzuola; spalanca l’uscio, e via a precipizio. Ze’ Loreta rientra  malinconica, compassionevole; e la gallina  La padrona non può rattenere le lagrime. Accoglie nel suo grembo la mutilata  feruccia, e ne medica la ferita spargendola di sale e aceto.

: Coh! Coh coh! – Intanto la fanciulla è rientrata in csa sua; e ha già detto alla mamma: – Coraggio!  L’ho trovata alla fine !  –  La madre  si toglie una densa fascia dal capo.  La figlia tira fuori la cresta sanguinosa p della gallina nera, e la striscia sulla fronte e sulle tempie dell’inferma. –  Non dubitare, mamma: fra poco il dolor di testa cesserà ; anzi, non ne avrai più a soffrire. 

Antonio De Nino nacque a Pratola Peligna  il 15-6-1833 e morì a Sulmona il 1-3-1907 .  Uscito dalla scuola elementare, non potendo andare in collegio perché le condizioni di famiglia non glielo permettevano, fu autodidatta.  Appena ventenne divenne maestro a Leonessa, in seguito   acquistò il titolo di professore “onoris causa “e venne nominato a Rieti, dove insegnò per alcuni anni, poi  tornò nella sua terra natia  ottenendo la direzione della Scuola Tecnica di Sulmona, che mantenne fino alla morte.  In possesso di solide  attitudini letterarie, mostrò  un appassionato interesse per gli studi folcloristici; infaticabilmente, ricercava, recuperava, reintegrava, catalogava il prezioso patrimonio del folclore abruzzese, girando di paese in paese, raccogliendo dalla viva voce del popolo racconti, fiabe, novelle e studiando gli usi, i costumi, le abitudini delle popolazioni. Della grande quantità di materiale raccolto in questo lavoro di ricerca si servì per scrivere  sei  volumi sugli

Usi e costumi abruzzesi “che vennero considerati   di maggiore interesse. 

E a questa opera il D’Annunzio attinse i per il suo lavoro poetico e nella stesura delle sue tragedie: “La fiaccola sotto il moggio” e  “La figlia di Iorio”.  Anche  Francesco Paolo Michetti trasse  ispirazione per le sue tele dai suoi  scritti . Compose pure  un volumetto  su “Ovidio nella tradizione popolare di Sulmona“ . Fu prezioso collaboratore di molte riviste letterarie del tempo e si dilettò a scrivere novelle e fiabe per i bambini di Abruzzo. Appassionato cultore com’era, si interessò vivamente degli scavi di antiche città romane sepolte in Abruzzo. Furono suo merito  gli scavi iniziati e portati a buon punto dell’antichissima città di Corfinium, capitale della Lega Italica nella guerra contro Roma, e l’aver individuato l’antica sede della città romana di “Aufidena”. Fu lui a far sorgere un interessantissimo museo dove raccolse il prezioso materiale della distrutta Corfinium. Nella vita letteraria d’Abruzzo ha lasciato una traccia profonda ed incancellabile con i suoi  scritti  che costituiscono  un tesoro inesauribile per gli studiosi  che vogliono conoscere la storia della nostra terra, i suoi usi e i suoi costumi

Ricerca storiografica di Elisabetta Mancinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *