Che bello

Che bello

Una serata per il popolo Ucraino

Sarà’ bello esserci perché in un locale ,molto amplio , ci si ritroverà per “annaffiare” la solidarietà, contribuire ad una causa e , bellissimo, con i giovani che contribuiranno a tutto questo.E’ già perché è una cena il mezzo per raccogliere soldi per i progetti e ai fornelli ,all’interno dell’istituto che accoglierà l’evento , chef, camerieri, addetti di sala ,gli studenti del “Di Poppa ” di Teramo che lavoreranno per la solidarietà. Si cresce quando si è solidali . Dispiace vedere che oggi si tende più a distruggere che non a costruire.

Per questo l’iniziativa dell’Avsi è’ un regalo per tutti noi. L’organizzazione ha progetti in 39 Paesi nel mondo . Sono 329 gli obiettivi fissati  con più di 10 milioni di beneficiari diretti. Il bilancio  parla di oltre 91 milioni di euro . Ci sono anche i sostegni a distanza. Brasile, Burundi , Camerun, Costa d’Avorio,Ecuador, Giordania Haiti Iraq Kenya Libano Messico, Mozambico e tanti altri. Tra gli scopi anche quello educativo , una arma non violenta questa  che può’ e deve cambiare il mondo. In questo momento terremoto in Siria e la guerra in Ucraina.

La cena al “Di Poppa “di Teramo punta i riflettori sull’Ucraina e allora capite quanto è’ bello coinvolgere i giovani , professionisti di domani nella ristorazione, impegnati a concepire e offrire “buoni piatti” ancor più buoni perché offerti con il cuore. Il delegato che ha organizzato il tutto si chiama Lucio Pichini , è un medico che tra le tante cose ha lavorato da volontario in Albania. Sentiremo la testimonianza diretta di un volontario AVSI appena tornato da Kiev.

Questo articolo , questa è’ una bella notizia, non viene pubblicato per raccogliere adesioni. No ,tutto esaurito al Di Poppa. Lo spazio a disposizione nella scuola è’ stato insufficiente . Questa è’ una bellissima notizia. La solidarietà , l’amore, la voglia di “prossimo” ci sono . L prossima volta occorrerà solo uno spazio più grande, molto più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *