Alberto “113”, Adamo  ed Egidio che non mollano la “loro ” montagna

Alberto “113”, Adamo  ed Egidio che non mollano la “loro ” montagna

Il reportage che vi offriamo è di altri tempi, almeno 20 anni fa. Con il collega Ermanno Prosperi andammo per la montagna teramana, senza un tema da sviluppare, ma convinti di riportare in Rai un servizio bello. E cosi fu. Incontrammo personaggi che dimostravano di stringere i denti per salvare le comunità della montagna .

Oggi purtroppo le cose sono cambiate.La politica non è stata “brava”. Dalla montagna fuggono tutti, i bambini non nascono più. Eppure con il sisma 2016 la ricostruzione, seppur a rilento, va avanti. Case nuove, case vuote. Miglior viabilità potrebbe portare giovani coppie in quelle case , magari con offerte supportate dallo Stato.

Alberto, detto 113, ad esempio sopperiva ad alcune carenze logistiche per mancanza di artigiani  che erano scesi a valle per guadagnarsi lo stipendio aiutando chi aveva bisogno di un idraulico, un elettricista, un muratore .

Incontrai Alberto nuovamente due anni prima della morte. Nel libro “I mille Abruzzi” c’era un capitolo per lui.

Un pensiero su “Alberto “113”, Adamo  ed Egidio che non mollano la “loro ” montagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *