Non sapere perché

Non sapere perché

La tragedia di Rigopiano

Oggi ricordiamo le vittime di Rigopiano. Quanto sarebbe bello o meglio onesto verso i famigliari e gli amici di chi morì sotto una massa di neve, sapere perchè un proprio caro trovò la morte in quell’inferno? . Qualcuno chiamò quella enorme coltre bianca che partì dalla montagna per fermarsi poi su “quelle storie “ in un modo non giusto . La “neve assassina “, così qualcuno scrisse o parlò. Io non conosco le carte del processo ma so che una tragedia iniziata il 18 gennaio 2017 oggi non ha ancora i contorni chiari per quando riguarda le responsabilità. Sette anni di attesa. Addirittura il processo si è fermato in passato anche per l’adesione allo sciopero di un avvocato. Questa intervista non è per cosi dire “fresca” è stata realizzata all’interno di una serata che si svolse al teatro di Atri . Non è fresca ma è fresca, nel senso che i sentimenti di un padre restano gli stassi verso il figlio che è morto giovanissimo. Marcello parla della sua Cecilia che aveva realizzato già un sogno della sua vita cancellato da una valanga in un posto dove, forse, non si poteva costruire  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *